Miglior passeggino trio 2018

Arriva per tutti i genitori il momento in cui bisogna decidere che tipo di passeggino acquistare. Meglio il trio o tre prodotti distinti e separati? Come scegliere il miglior passeggino trio per il mio bambino? Purtroppo, non esiste una risposta definitiva a queste domande, perché non esiste un prodotto che vada bene per tutti. Ogni genitore ha le proprie esigenze e il passeggino deve soddisfarle singolarmente.

PRODOTTO PESO Dimensioni VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
26 kg 120 x 59 x 95 cm VEDI PREZZI
21,5 kg 76 x 63 x 109 cm VEDI PREZZI
16,7 kg 114 x 55 x 107 cm VEDI PREZZI
18,9 kg 55,5 x 92 x 120 cm VEDI PREZZI
18,4 kg 84 x 52 x 107 cm VEDI PREZZI
19 kg 108 x 58 x 104 cm VEDI PREZZI
18,9 kg 55,5 x 92 x 120 cm VEDI PREZZI
18 kg 104 x 54 x 30 cm VEDI PREZZI
18 kg 104 x 54 x 30 cm VEDI PREZZI
9,5 kg 114 x 55 x 107 cm VEDI PREZZI

Ciò significa che ogni genitore deve innanzitutto capire quali sono le sue priorità, quali gli accessori e le caratteristiche a cui non potrebbe mai rinunciare e quali si. Per farlo, è necessario conoscere le caratteristiche dei passeggini trio ed è proprio per questo motivo che nasce questa guida. Scegliere il trio passeggino sbagliato, significa gettare al vento i soldi e nessuno ama farlo.

Che cos’è il trio

Se sei arrivato/a qui, probabilmente sai già di cosa si tratta, ma non possiamo darlo per scontato. Partiamo quindi dalle bassi, ossia che cos’è un trio passeggino e da cosa è composto. Il trio, come spiega lo stesso nome, non è altro che un passeggino 3 in 1. Un sistema modulare, che si trasforma a seconda delle proprie esigenze. Questo prodotto comprende le carrozzine trio, l’ovetto (che non è altro che il seggiolino per neonati per l’auto) e il passeggino vero e proprio. A seconda del modello scelto, i passeggini trio sono adatti dai primi giorni di nascita, fino ad un massimo di due anni. Superata questa soglia, si consiglia di sostituire il seggiolino per auto con uno per bambini più grandi e molto probabilmente, anche il passeggino, mentre le carrozzine trio non si utilizzano proprio più quando il bambino è più adulto.

Per scegliere il miglior passeggino trio, è necessario capire da cosa è composto:

  • Passeggino: questo può essere utilizzato fin dai primi giorni di nascita. Alcuni genitori però, preferiscono usarlo a partire dai sei mesi. Ovviamente, tutto questo, dipende anche dal modello scelto.
  • Navetta (anche chiamata navicella): questa viene agganciata alla struttura del passeggino, sostituendo quindi la classica seduta, per trasformare il prodotto in una vera e propria carrozzina. In questa configurazione, molti genitori la utilizzano anche come una culla.
  • Seggiolino auto (detto anche ovetto): consente al bebè di viaggiare in auto in posizione più comoda per lui/lei. A questa età, infatti, i bambini non sono ancora in grado di tenere la schiena e il collo dritti, per cui l’ovetto consente di stare in posizione distesa. Generalmente, l’ovetto può essere anche agganciato alla struttura del passeggino. A cosa serve? Se viaggiate in auto e il bambino si addormenta, potete agganciare l’ovetto direttamente al telaio, portando il bambino in giro, senza doverlo svegliare, per il passaggio dall’auto all’esterno. Davvero un’ottima trovata, non pensate?!

Passeggini trio o duo?

passeggini trioCome dice lo stesso nome, la differenza tra i due prodotti è che il primo è composto da tre elementi, mentre il secondo solo da due. Ci sono due modi in cui può essere composto un passeggino duo: carrozzina + passeggino, oppure ovvero + passeggino. Si tratta di una soluzione ideale per chi vuole acquistare separatamente il terzo elemento, oppure lo ha avuto già in regalo. Inoltre, c’è anche da considerare, che molte aziende, inseriscono nel due i loro passeggini migliori. Questo lo sappiamo grazie alla nostra esperienza, accumulata in tanti mesi di test con moltissimi modelli.

Quando acquistare il 3 in 1?

Sono molti i genitori che si pongono questa domanda. In realtà, ognuno di noi lo può acquistare quando gli pare e piace. Tuttavia, ci sono da prendere in considerazione alcuni fattori “esterni”, come la scaramanzia o i parti prematuri. Se è bene attendere almeno i primi mesi, per assicurarsi che la gravidanza non sia a rischio, è anche vero che dal settimo mese in poi, il bambino potrebbe nascere in qualsiasi istante. In caso di parto prematuro, si rivela molto utile avere in casa già un passeggino trio.

Il consiglio che ci sentiamo di darvi, è quello di iniziare a guardarvi in giro già a partire dal quinto mese di gravidanza. Entro un paio di mesi, avrete deciso (si spera) qual è il modello più adatto alle vostre esigenze e potrete acquistarlo, essendo pronti a tutto. Se non si riescono a rispettare tali tempistiche non c’è alcun problema, meglio scegliere con calma e attenzione, perché di passeggini trio in commercio ce ne sono tanti e fare una scelta sbagliata, significa solo gettare i soldi al vento!

Trio passeggino: perché?

I passeggini trio sono molto utili per:

  • Chi sta per avere un bebè o lo ha già avuto, perché si possono utilizzare sin dai primi giorni di nascita che dopo qualche mese;
  • Chi intende risparmiare soldi. Se si acquistano tre elementi differenti di pari livello, si spende molto di più;
  • Per risparmiare spazio. I tre elementi occupano lo stesso spazio del passeggino, ma il telaio è smontabile e solo uno per tutti e tre;
  • Chi ha un bebè di circa sei mesi. Questi bambini ormai non utilizzano già la carrozzina, ma non sono nemmeno troppo grandi per essere trasportati in un normale passeggino. Il trio è una soluzione intermedia, che va bene fino ai 2 anni di età.

Come scegliere

Come detto in precedenza, in commercio troviamo moltissimi passeggini trio, dunque scegliere non è affatto semplice come si potrebbe pensare. Ci sono alcune caratteristiche di cui verificare la presenza prima dell’acquisto e sono le seguenti:

  • Un telaio solido. Il telaio è la parte più importante del trio, perché dovrà sostenere i tre elementi e il peso del bambino. Per questo motivo, è necessario scegliere un telaio solido, ma anche leggero.
  • Maniglione ergonomico. Se pensate di trasportare in giro il vostro bambino per lunghe passeggiate, dovrete avere un maniglione grande ed ergonomico. Magari anche con un minimo d’imbottitura per migliorare la presa.
  • Chiusura. Ci sono diversi meccanismi di chiusura. Quelli ad ombrello sono probabilmente i più semplici, ma anche quelli a chiusura orizzontale non sono male. L’importante, è che sia possibile farlo con una sola mano.
  • Seduta. Assicuratevi che le sedute siano adeguate all’altezza del vostro bambino e che siano abbastanza confortevoli ed imbottite. Inoltre, assicuratevi la presenza di cinture di sicurezza, per il bebè.